sabato 3 novembre 2012

Certo che si!

E' imminente e qualcuno già da molto ne è a conoscenza.
Si sta arrivando ad uno dei più cruciali tanto attesi 'highlights' programmati.
La vittoria della Crisi su praticamente tutto il mondo moderno e democratico, premeditatamente costretto alle corde, con le spalle al muro.
E' sotto i nostri occhi..il grande piano politico ha bisogno di crisi e pesanti crisi per instaurarsi.
L'Europa non ha un popolo...forse la minaccia di un nemico comune potrebbe portare al primo passo verso la nascita di un nuovo sentimento tra i popoli 'convenzionali'.
Forse è in questo senso che si pilota la crisi e tutto il sistema mediatico informativo..austerità scriteriata, diritti tosati, manovre e manovre, scandali che saltan fuori uno dopo l'altro..nazioni alla fame e banche che ingrassano un attegiamento spavaldo e ormai svergognato...leggi incomprensibilmente distorte e spudoratamente in chiave 'killTHEnations'...
Domani capiremo di esser state tutte (le nazioni) indecentemente stuprate.
Stringendoci assieme riusciremo per la prima volta a sentirci sorelle sotto lo stesso tetto?...
A darci manforte e sconfiggere il malecomune?
Probabilmente si.
Sicuramente si.
Certo che si!
E sarà proprio là che il perfido burattinaio potrà abbandonarsi ad una meritata sghignazzata.

Nessun commento:

Posta un commento